Comunicato N° 331 del 30 novembre 2017

Tags: , ,

Si è svolta stamane, presso la Sala Senato dell’Università degli Studi di Messina, la presentazione dell’High-School Business Game (HSBG). Si tratta dell’ultimo, in ordine temporale, dei progetti di Alternanza scuola-lavoro attivati dall’Ateneo peloritano. L’iniziativa è stata progettata e proposta dal Dipartimento di Economia di Unime, in collaborazione con gli istituti scolastici locali e provinciali. L’HSBG è uno strumento innovativo, in grado di garantire simulazioni di business tra squadre per supportare le decisioni di management. Il tutto mediante un software utile alla formazione ed alla trasmissione di saperi adatti all’istruzione secondaria di secondo grado. I destinatari del progetto saranno gli studenti delle classi IV e V degli Istituti superiori che competeranno in un ambiente virtuale.

Ogni team  sarà formato al massimo da 6 componenti (il numero minimo è 4), chiamati a prendere delle decisioni strategiche e operative per la loro impresa: dall’introduzione di nuovi prodotti sul mercato allo sviluppo di innovazioni, alla determinazione del prezzo del prodotto alle scelte riguardanti le altre leve del marketing (canali distributivi e politiche di pubblicità e comunicazione). Il limite di squadre previste è 100.

La competizione si svolgerà nel periodo dicembre 2017–giugno 2018 e si articolerà in più turni di gioco. A gennaio, presso le strutture dipartimentali di Economia, si terranno tre incontri pomeridiani preparatori con gli studenti, mentre l’ultimo turno di gioco si concretizzerà nell’elaborazione di un marchio, una confezione o uno spot pubblicitario aziendale. Le iscrizioni ad HSBG cominceranno venerdì 1 dicembre per concludersi mercoledì 20 dicembre. L’elenco delle squadre ammesse sarà reso noto sul portale d’Ateneo entro il 31 dicembre. La domanda di partecipazione potrà essere scaricata dall’indirizzo http://www.unime.it/it/dipartimenti/economia/high-school-business-game. Dovrà essere compilata indicando, per ogni partecipante, la qualifica di ‘caposquadra’ o ‘componente della squadra’.

Alla presentazione hanno preso parte i proff. Dario Caroniti e Augusto D’Amico, rispettivamente Presidente del Centro Orientamento e Placement di Unime e Direttore del Dipartimento di Economia, il dott. Luca Gatani (dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Messina) e la dott.ssa Maria Cristina Costanzo (responsabile dell’ Ufficio Scolastico Provinciale di Messina per il progetto di Alternanza scuola-lavoro).

“Le politiche di Alternanza scuola-lavoro – ha detto il prof. Dario Caroniti – sono molto importanti per l’Università di Messina. In quest’ottica, Hight-School Business Game rappresenta una novità perché unisce l’aspetto formativo a quello ludico, consentendo ai ragazzi di apprendere conoscenze concrete attraverso il gioco. Il mix perfetto per coinvolgere ed interessare gli studenti e, nel contempo, formarli per il futuro”.

“Da qualche anno – ha dichiarato il dott. Gatani – l’Alternanza scuola-lavoro ci vede attivi su più fronti. In questo senso, il connubio con Unime è una garantisce in termini di competenza. Questo progetto è importante per la tematica, con un focus sulla gestione di impresa e il management teso a colmare un deficit oggettivo, e per la metodologia capace di unire trasmissione di saperi e aspetti ludici. Attraverso la simulazione gli studenti si confronteranno su temi reali e potranno usufruire di questo bagaglio nel tempo. Per questo motivo auspico un’ampia adesione”.

“Sono molto lieto – ha concluso il prof. D’Amico – di vedere qui, oggi, i referenti degli istituti scolastici, ma anche una rappresentanza studentesca. Il Dipartimento di Economia unisce questo progetto rivolto agli studenti a quelli già in atto, come ‘Financial Education’ o ‘Logo Quiz’. L’idea di HSBG nasce dall’esigenza di cogliere le istanze sociali relative all’impresa ed al management, settori da implementare a vantaggio del Paese, dell’Università ed anche delle scuole. Volevamo mettere in campo qualcosa che li interessasse ed anche divertisse. Questa, che è la prima edizione, rappresenta un progetto pilota e, se andrà bene, verrà successivamente estesa alle terze classi. I turni di gioco verranno cadenzati sulla base delle esigenze scolastiche dei partecipanti”.

Versione stampabile

Tags: , ,