Logo Comunicati Stampa

Presentata stamane #SmartME

Comunicato N° 57 del 18 Febbraio 2015

L’Università di Messina in prima fila per monitorare parametri generali come la qualita’ dell’aria, il rumore, la temperatura o  l’erosione delle colline, il traffico veicolare e lo stato delle strade. Ciò sarà possibile mediante l’utilizzo di schede basate su microcontrollori a basso costo e con l’aiuto dei cittadini che vorranno “adottare” un sensore per diventare parte di questa rete, attraverso l’utilizzo di smartphone, con i quali sara’ possibile interagire con gli oggetti, ad esempio venendo informati in tempo reale sulla posizione dei mezzi pubblici o dialogando con un monumento per scoprirne la storia o la tecnica realizzativa, sara’ possibile ricevere segnalazioni in caso di emergenza o essere guidati verso un parcheggio libero in una zona affollata. Tale enorme mole di dati sara’ gestita in maniera efficiente facendo ricorso al paradigma del Cloud.

#SmartME, questo il nome dell’iniziativa di Crowdfunding dell’Ateneo, presentata oggi presso la Sala Senato, patrocinata dal Comune di Messina con il supporto operativo della spinoff accademica DHLab e coordinata dal gruppo di ricerca MDSLAB,  diretto dal prof. Antonino Puliafito e dall’Industrial Liason Office dell’Ateneo.

“L’Università che produce idee, trasferisce tecnologie è molto fiera- ha detto il Rettore, prof. Pietro Navarra-  di proporre un progetto che favorisce la consapevolezza dei cittadini per lo sviluppo del benessere collettivo attraverso un’iniziativa innovativa”.

“#SmartMe consentirà di fornire servizi concreti – ha spiegato il prof. Puliafito, Presidente del C.I.A.M. (Centro Informatico Ateneo di Messina)- coinvolgendo il territorio stesso, Messina diventa laboratorio aperto a disposizione di tutti. Da oggi, infatti,  chiunque potrà sostenere il progetto attraverso la piattaforma di crowdfunding www.eppela.com e con un contributo variabile, da poche a diverse centinaia di euro, è possibile “adottare” un sensore e ricevere servizi concreti oltre che, nell’immediato futuro, poterne sviluppare degli altri a seconda delle reali esigenze dei singoli individui e della collettività”.

“Messina città laboratorio è un’idea che il Comune ha condiviso subito- ha sottolineato l’Assessore alla Mobilità Urbana di Messina, dott. Gaetano Cacciola- e la sosterrà non come semplice patrocinio ma attraverso una fattiva collaborazione a partire, ad esempio, dalle opportunità che offre il Piano per l’Energia Sostenibile varato di recente”.

“L’Università di Messina è pioniera in Italia- ha concluso la prof.ssa Daniela Baglieri, Prorettore all’Innovazione e al Trasferimento tecnologico – nell’utilizzo dello strumento del crowdfunding a servizio di un’innovazione che è sempre più aperta, consentendo una valorizzazione della ricerca non più soltanto a disposizione delle imprese ma di tutta la comunità”.

Indipendentemente dalla tipologia di partecipazione scelta, sara’ possibile richiedere l’installazione di uno specifico sensore in una data posizione e di accedere ai dati da questo rilevati. Ad esempio, un cittadino che volesse conoscere il livello di rumorosita’ nella sua zona di residenza o avere informazioni sulla qualita’ dell’aria potra’ richiedere l’installazione di un sensore apposito e ricevere le informazioni desiderate.

#SmartME e’ un’iniziativa dell’Università di Messina aperta a Ricercatori, Hobbisti, Aziende pubbliche e private, a chiunque abbia fantasia, passione per la tecnologia e voglia di sperimentare.


Università degli Studi di Messina
Ufficio Stampa
Piazza Pugliatti, n°1 98122 Messina
Tel. 090 676 8961-090 676 8966
http://comunicatistampa.unime.it
E-mail ufficiostampa@unime.it

URL: http://comunicatistampa.unime.it/2015/02/18/presentata-stamane-startme/